Windows 7

Finalmente è arrivata la possibilità di provare se Microsoft riesce ad imparare dai suoi errori. Che Windows Vista fosse un sistema di transizione lo si poteva intuire sin dal momento del suo lancio. Ricordiamo che già si parlava di un suo sostituto: Windows Vienna. Ora Microsoft lo mette a disposizione per provarlo in versione beta e testarlo. Ho deciso di constatare se alcuni bugs siano stati risolti oppure se i problemi noti di Vista siano stati ereditati dal suo sostituto.



All’inizio eravamo tutti contenti poiché si era capito che in questo nuovo sistema operativo ci sarebbe stata una vera e propria rivoluzione nell’approccio al kernel, e che avremmo assistito ad un sistema completamente rivoluzionario per la casa americana. La delusione è arrivata quando abbiamo capito che questo non accadrà; il kernel è un’evoluzione di quello dei sistemi operativi precedenti, probabilmente per semplicità di sviluppo, o perché agli sviluppatori non va di creare qualcosa di nuovo. Partendo dall’idea originale di un nuovo kernel si è quindi scelto di basare Windows 7 su una versione rivista del kernel sviluppato per Windows Vista.


Ecco come viene descritto il nuovo sistema da Microsoft:
A nessuno piace attendere. Per questo motivo abbiamo gettato le basi per avere un minore impatto sulla velocità del vostro PC. Windows 7 si avvia, si spegne, riprende dalla modalità standby, e risponde più velocemente. Avrete un minor numero di interruzioni e si possono superare più velocemente i problemi quando si verificano perché in Windows 7 vi aiuterà a risolverli quando si verificano.
Dal canto mio l’ho installato e purtroppo devo dire che al primo utilizzo è andato in crash mostrando la famosa “blue screen of death“. Cominciamo bene…
Alcuni Links:

Download di Windows 7 beta

Seguici su Facebook

Facebookrss
Articoli
Craccare rete wifi wpa e wpa2
Articoli
Monitorare l’uso del PC
Articoli
Disinstallare qualsiasi programma definitivamente
Al momento non ci sono commenti